Dall’incipit del libro:

Contro l’oppenioni de molti che dicono che le figure contente da linee curve e circulare perfettamente non si dà la loro quadratura, maximamente di quelle che sono portion de circuli, questo dicono al mio giuditio per la auctorità d’Aristotele che dice che quadratura circuli est scibilis, sed non scita quia est impotentia naturæ; et non potendosi dare perffettamente la quadratura del circolo, de qui argumentano essere impossibile il quadrar perfettamente le figure contente da linee curve seu circulare ut supra; pertanto io che perffettamente trovo la quadratura della figura qui depincta, zoè di quella biangula in forma di luna signata AB, dico, che se havessimo accurati indaghatori, che sì come la quadratura del circolo è impotentia de la nattura, che similmente serìa in quella de gli homeni.

Scarica gratis
PDFRTF + ZIPTXT + ZIP

titolo:
De lunularum quadratura
titolo per ordinamento:
De lunularum quadratura
autore:
opera di riferimento:
Opera inedita et pauca separatim impressa, Sansoni, Collana "RACCOLTA DI OPERE INEDITE O RARE DI OGNI SECOLO DELLA LETTERATURA ITALIANA" a cura di Hyeronimo Mancini, 1890
licenza:

data pubblicazione:
9 dicembre 1998
opera elenco:
D
soggetto BISAC:
FICTION / Classici
affidabilità:
affidabilità standard
impaginazione:
Catia Righi, adaolio@risorse.it
revisione:
Claudio Paganelli, paganelli@mclink.it