Rime2018-01-11T14:41:31+00:00

Dall’incipit del libro:

I

– Accorri accorri accorri, uom, a la strada!
– Che ha’, fi’ de la putta? – I’ son rubato.
– Chi t’ha rubato? – Una che par che rada
come rasoio, si m’ha netto lasciato.

– Or come non le davi de la spada?
– I’ dare’ anz’a me. – Or se’ ’mpazzato?
– Non so che ‘l dà, così mi par che vada.
– Or t’avess’ella cieco, sciagurato!

– E vedi che ne pare a que’ che ’l sanno?
– Di’ quel che tu mi rubi. – Or va con Dio,
ma anda pian, ch’i’ vo’ pianger lo danno,

ché ti diparti. – Con animo rio!
– Tu abbi ’l danno con tutto ’l malanno!
– Or chi m’ha morto? – E che diavol sacc’io?

Scarica gratis
HTMLHTML + ZIPPDFRTF + ZIPTXT + ZIPvai a Yeerida

titolo:
Rime
titolo per ordinamento:
Rime
autore:
opera di riferimento:
Cecco Angiolieri Rime a cura di Gigi Cavalli, BUR Milano 1979
licenza:

data pubblicazione:
13 novembre 1998
opera elenco:
R
soggetto BISAC:
FICTION / Classici
affidabilità:
affidabilità standard
impaginazione:
Francesco Bailo, bailo@iol.it
revisione:
Roberto Gagliardi, jaufre@tin.it