“Al di là della materia” di Luigi Russolo

/, Podcast web/“Al di là della materia” di Luigi Russolo
  • Luigi Russolo, Aurora boreale

(voce di SopraPensiero)

 

Pubblicato dall’editore Bocca nel 1938, questo testo era già nella gestazione intellettuale di Russolo almeno dal 1932-1933, cosa che si evince dalla lettura dei Diari (che in gran parte sono ancora inediti). È del 1933 il suo ritiro a Terragona dove conduce vita “monacale filosofica”. Aveva conosciuto a Parigi, probabilmente l’anno prima, Fanny Hefter che rimase per anni sua interlocutrice privilegiata per svariati esperimenti di magnetismo.

La prima parte del testo “la ricerca del vero” indaga soprattutto sui fenomeni attribuibili a una “forza vitale” che Russolo chiama “forza nervosa radiante” ed è equiparabile al fluido di Mesmer. Da sottolineare come i futuristi, e in particolare il gruppo “ravennate” fossero particolarmente interessati alle tematiche spiritualiste e occultiste. Dice Ginna: “Ci rifornivamo di libri spiritualisti e occultisti, mio fratello ed io, presso gli editori Dourville e Chacormac. Leggevamo l’occultista Elifas Levi, Papus, teosofi come la Blavatsky e Steiner, la Besant, segretaria della Società Teosofica, Leadbeader, Edouard Schuré. Seguivamo le conferenze della Società Teosofica, a Bologna e Firenze. Quando Steiner fondò la Società Antroposofica restrinsi la mia attenzione a Steiner. […] Con Steiner l’occultismo si elevava in senso spirituale: lasciarsi andare verso le forze occulte dell’Universo”.

Certamente anche Russolo risulta molto influenzato da Steiner, espressamente citato a proposito del mondo spirituale dell’arte. L’ispirazione spirituale dovrebbe trovare l’artista in posizione di umiltà, qualità che risulta poi estremamente rara nell’ambito degli atteggiamenti cognitivi. L’ “eternità energetica” vibra, oltre che negli organismi animati, anche nella materia inerte. Russolo non mancherà di coniugare i suoi risultati di “pensatore” con le sue prove di artista dell’immagine e del suono e non è difficile, guardando molti suoi quadri, riconoscere l’emergere nella sua pittura delle riflessioni che leggiamo in questo saggio. Il testo si basa sul dialogo tra Pirro e Mani; quest’ultimo nei suoi brevi interventi dovrebbe sostenere, ma con poco spazio e scarso successo, le ragioni del positivismo. Ma la conclusione di Pirro, che è chiara fin dall’inizio è che “tutto il mondo è retto dallo spirito e questo domina la materia”.

Sinossi a cura di Paolo Alberti

Dall’incipit del libro:

Pirro. – Sediamoci qui, vicino a questo arancio, e così potremo parlare, mentre il profumo delizioso dei suoi fiori ci inonda, e vedere quel ciliegio dove l’usignuolo va spesso a effondere le sue improvvisazioni liriche. Io ho insistito che tu venissi a vedere questo paese perchè è bellissimo; ma siccome l’uomo è sempre egoista, ho insistito anche per il piacere della compagnia di un vecchio amico come te, fisico di professione, se non di elezione.
Mani (ridendo). – Perchè dici: «non di elezione?»
Pirro. – Perchè mi pare che tu abbia sbagliato professione. Non ho mai incontrato un uomo di valore come te nella sua disciplina, che oltre e fuori di essa sia anche dotato di sensibilità; un individuo cioè capace di ammirare un bel paesaggio, di entusiasmarsi per una bella musica, di unire infine alle qualità dell’essere pensante anche quelle dell’essere sensibile.
Mani. – Non credo di formare un’eccezione. Credo di aver molti colleghi che amano la musica come me e che sono felici di poter passare i mesi della vacanza in campagna, in mezzo alla natura.
Pirro. – Sì, molti certo; ma quanti di questi che amano l’arte e la natura le comprendono? Ah, comprendere, caro mio, comprendere veramente è cosa rara. Sto per dire rarissima. Questo me lo ha provato l’esperienza. Voglio parlartene.
Tu sai che verso il 1913 mi sono dato a ricerche di acustica per costruire strumenti musicali che avessero timbri nuovi. Non essendoci una divisione netta tra il fenomeno fisico che genera il suono e quello che genera il rumore, sono andato a cercare fra i rumori, timbri da intonare, cioè da regolare armonicamente in modo da formare vari strumenti musicali.

Scarica gratis: Al di là della materia di Luigi Russolo.

2018-09-15T11:10:13+00:0013 settembre 2018|Categories: Manuzio, Podcast web|Tags: , |
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui a utilizzare questo sito, assumiamo che tu ne sia felice. OK