Rime di Cecco Angiolieri


 

XCVII

Chi dice del suo padre altro, ch'onore,
la lingua gli dovrebbe esser tagliata;
per che son sette le mortal peccata,
ma enfra l'altre quell'è lo maggiore.
S'eo fosse priete o ver frate minore,
al papa fora la mia prima andata;
e direi: - Padre Santo, una crociata
si faccia indosso a chi lor fa disnore.
E s'alcun fosse, per lo su' peccato,
che 'n quel stallo ci veniss'a le mani,
vorrei che fosse cotto e poi mangiato
dagli uomini no, ma da' lupi e cani.
Dio mel perdoni, ch'io n'ho già usato
motti non bei, ma rustichi e villani.

[torna all'indice]

XCVIII

Tant'abbo di Becchina novellato
e di mie madr'e di babbo e d'Amore,
ch'una parte del mondo n'ho stancato;
però mi vo' restare per migliore,
ché non è sì bel giuoco tropp'usato,
che non sie rincrescente a l'uditore,
però vogli'altro dir, che più m'è 'n grato,
a ciascuno che porta gentil core.
E ne la poscia' muta del sonetto
i' vi dirò tutto ciò ch'i' vo' dire,
e, chi lo 'ntende, sì sie benedetto:
ch'i' dico ch'i' arrabbio di morire
a veder ricco chi de' esser bretto,
vedendo bretto chi dovrìe gioire.

[torna all'indice]

XCIX

I' non vi miro perzar, morditori,
ch'i' mi conduca ma' nel vostro stato,
che 'l dì vi fate di mille colori
innanzi che 'l volaggio sia contato.
Ciò era vostra credenza, be' signori,
per ch'i' m'avesse a sollazzo giocato,
ch'i divenisse de' frati minori,
di non toccar dena' picciol né lato?
M'assa' ve ne potrà scoppiar lo cuore,
ch'i ho saputo sì dìciar e fare,
ch'i' ho del mi' assa' dentro e di fore.
Ma 'l me' ch'i' ho, e che miglior mi pare,
sì è 'l veder di vo' che ciascun muore;
ché vi convien, per viver, procacciare.

[torna all'indice]

C

[A Dante Alighieri]

Lassar vo' lo trovare di Becchina,
Dante Alighieri, e dir del mariscalco:
ch'e' par fiorin d'or, ed è di ricalco;
par zuccar caffettin, ed è salina;
par pan di grano, ed è di saggina;
par una torre, ed è un vil balco;
ed è un nibbio, e par un girfalco;
e pare un gallo, ed è una gallina.
Sonetto m´o, vàtene a Fiorenza:
dove vedrai le donne e le donzelle,
di' che 'l su' fatto è solo di parvenza.
Ed eo per me ne conterò novelle
al bon re Carlo conte di Provenza,
e per sto mo' gli fregiarò la pelle.

[torna all'indice]

CI

[A Dante Alighieri]

Dante Alighier, Cecco, 'l tu' serv'e amico,
si raccomand'a te com'a segnore;
e sì ti prego per lo dio d'Amore,
il qual è stat'un tu' signor antico,
che mi perdoni s'ispiacer ti dico,
ché mi dà sicurtà 'l tu' gentil cuore;
quel ch'i' ti dico, è di questo tenore:
ch'al tu' sonetto in parte contraddico.
Ch'al meo parer ne l'una muta dice
che non intendi su' sottil parlare,
a que' che vide la tua Beatrice;
e puoi hai detto a le tue donne care
che tu lo 'ntendi: adunque, contraddice
a se medesmo questo tu' trovare.

[torna all'indice]

CII

[A Dante Alighieri]

Dante Alighier, s'i' so bon begolardo,
tu mi tien' bene la lancia a le reni,
s'eo desno con altrui, e tu vi ceni;
s'eo mordo 'l grasso, tu ne sugi 'l lardo;
s'eo cimo 'l panno, e tu vi freghi 'l cardo:
s'eo so discorso, e tu poco raffreni;
s'eo gentileggio, e tu misser t'avveni;
s'eo so fatto romano, e tu lombardo.
Sì che, laudato Deo, rimproverare
poco pò l'uno l'altro di noi due:
sventura o poco senno cel fa fare.
E se di questo vòi dicere piùe,
Dante Alighier, i' t'averò a stancare;
ch'eo so lo pungiglion, e tu se' 'l bue.

[torna all'indice]

CIII

Quando Ner Picciolin tornò di Francia,
era sì caldo de' molti fiorini,
che li uomin li parean topolini,
e di ciascun si facea beff'e ciancia.
Ed usava di dir: - Mala mescianza
possa venir a tutti mie' vicini,
quand'e' son appo me sì picciolini,
che mi fuora disnor la lor usanza! -
Or è per lo su' senn'a' tal condotto,
che non ha neùn sì picciol vicino,
che non si disdegnasse farli motto.
Ond'io mettere' 'l cuor per un fiorino
che, anzi che passati sien mesi otto,
s'egli avrà pur del pan, dirà: - Bonino!

[torna all'indice]

CIV

A cosa fatta non vale pentere
né dicer po': - Così vorre' aver fatto -
Senno di dietro poco può valere:
però s'avveggia l'uomo 'nanzi tratto;
ché, quando l'uomo cominci a cadere,
e' non ritorna in istato di ratto:
io che non seppi quella via tenere,
là, dove non mi prude, sì mi gratto.
Ch'i' son caduto e non posso levarmi,
e non ho al mondo parente sì stretto,
che pur la man mi desse per atarmi.
Or non abbiate a beffa questo detto:
ché così piacci a la mia donna amarmi,
come non fu giammai me' ver sonetto.

[torna all'indice]

CV

Egli è sì poco di fede e d'amore
oggi rimasa fra l'umana gente,
che si potrebbe dir come n´ente,
per quello che l'uom vede a tutte l'ore.
Chi peggio fa, tenuto ci è 'l migliore;
e non si truova amico né parente,
che, l'un per l'altro, un danai'o 'l valsente
mettesse per vederlo imperadore.
Chi non mi crede, sì cerchi la prova:
vad'a qualunque gli è amico più caro,
e poi mi dica che novelle e' trova:
se fia cortese diverralli avaro;
e ancor ci ha una foggia più nuova:
di se medesmo servir è l'uom caro.

[torna all'indice]

CVI

Senno non val a cui fortuna è cònta,
né giova senno ad omo infortunato;
né gran savere ad omo non sormonta
s'a fortuna non piace e non è a grato.
Fortuna è quella che discende e monta
ed a cui dona ed a cui tolle stato;
fortuna onora e fa vergogna ed onta,
fa parer saggio un folle avventurato.
E spesse volte ho veduto venire
che usare senno è tenuto en follia
ed aver pregio per non senno usare.
Ciò ch'a fortuna è dato a provvedere,
non pò fallir, e mistier è che sia:
saggio il tegno chi sa temporeggiare.

[torna all'indice]

CVII

Stando lo baldovino dentro un prato,
de l'erba fresca molto pasce e 'nforna;
vedesi da la spera travallato
e crede che le orecchie siano corna;
e dice: - Questo fosso d'altro lato
salterò bene, ch'i' non farò storna -
Movesi per saltare lo fossato,
allor trabocca, e ne lo mezzo torna.
Allora mette un ragghio come tòno:
- Oimè lasso, che male pensato aggio,
ché veggio ben che pur asino sono! -
Così del matto avvien, che si cre' saggio;
ma quando si prova nel parangono,
al dritto tocco pare il suo visaggio.

[Simone a Cecco]

Cecco, se Deo t'allegri di Becchina
o di quello che spesso sen rincoia,
consegliame, ché novamente ho poia,
e 'l cor cotant'ho trito, com farina;
e se di corto non ho medicina,
temo che di tal male io non moia,
ca la persona ho tanto croia e boia
ch'a l'arca non vo senza la china,
ed a la piana non vo punto fuore,
ch'ognun non dica: - Ve' un uom smarrito! -
e quel, che mi fa ciò, sì è amore.
Dimmi, per Deo, tu che l'hai sentito
e, sì come tu di', lo senti ancore:
che difes'hai, che tu non èi pentito?

[torna all'indice]

CVIII

[Risposta di Cecco a Simone]

Questo ti manda a dir Cecco, Simone,
da poi che vòi saper la sua difesa:
ogni grevezza per lo meglio ha presa,
ch'Amor gli ha dato per lunga stagione.
E' disse di sua bocca Salamone
questa parola, se l'hai bene 'ntesa:
né più né meno lo mal a l'om pesa,
se non quanto esso al core se ne pone.
E parmi meglio, se mai torni en Siena,
che non ti lassi romper, ma piegare,
quand'addosso ti ven una gran pena.
Se vòi d'Amor o d'altro bene stare,
magistra sit tibi vita aliena,
disse Cato in su' versificare.

[torna all'indice]

SONETTI DI DUBBIA ATTRIBUZIONE

CIX

Avvegna ched i' paghi 'l tu' mirare
più, che s'ìo fossi del mondo signore,
che tu mi fai, amor? per tuo onore
sì mi pur vuoi di te assicurare?
S'e' ti piace di volermi parlare,
io te ne prego da parte d'Amore;
e non guardar per ch'i' sia tuo minore
ché quanto l'uomo è di maggior affare,
sì è tenuto d'aver, per ragione,
in sé umilitate e cortesia:
se ciò non fa, sì gli è gran riprensione.
Non per ch'io creda che 'n te villania
possa capere: in questa oppen´one,
i' son tuo, e serò in dì di vita mia.

[torna all'indice]

CX

Maladetto e distrutto sia da Dio
lo primo punto ch'io innamorai
di quella che dilettasi di guai
darmi, ed ogn'altro sollazzo ha in oblìo;
e sì fa tanto tormento esser mio,
che 'n corpo d'uom non ne fu tanto mai;
e non le pare aver fatto anco assai,
tant'è 'l su' cor giude', pessimo e rio.
E non pensa se non com'ella possa
far a me cosa, che mi scoppi 'l cuore:
di questa oppin´on ma' non fu mossa.
E di lei non mi posso gittar fuore;
tant'ho la ment'abbarbagliat'e grossa,
c'ho men sentor, che non ha l'uom che muore.

[torna all'indice]

CXI

S'i' potesse d'amico in terzo amico
contare a la mia donna, con onore,
lo core meo stando servidore
a lei, in tal guisa che nemico
ne sono a lei: per me, ben tel dico,
se 'l savesse, credo avre' il su' amore;
e s'e' l'avesse, guardare' 'l su' onore
in ogni lato ch'è sotto al bellìco.
Omè lasso, che ho io fatto a lat'imo,
che in nulla guisa si porìa salvare,
sed io non le basciasse l'occhio e 'l viso?
Ch'Alena fo appo lei d'acqu'e limo;
bene le se farebbe pieno 'l Fare
de' rubini e smeraldi, ciò m'è viso.

[torna all'indice]

CXII

A cui è 'n grado de l'Amor dir male,
or lo biasmi 'n buon'or, che Dio li dia;
ché io per me non terrò quella via,
ma in dirne ben non ci vo' metter sale.
Già non potrebbe conducerm'a tale,
ch'in questa oppin´on sempre non stia,
per ch'egli è padre de la cortesia:
chi d'Amor sente, di mal far no i cale.
Anche ha cotale vertù l'Amore:
che, in cui e' degna di voler errare;
fosse colui ch'anche fosse 'l piggiore,
di reio in buono in una 'l fa tornare;
e mai non pensa che d'avere onore;
e maggiormente il buon fa megliorare.

[torna all'indice]

CXIII

Quando mie donn'esce la man del letto
che non s'ha post'ancor del fattibello,
non ha nel mondo sì laido vasello,
che, lungo lei, non paresse un diletto;
così ha 'l viso di bellezze netto
fin ch'ella non cerne col burattello
biacca, allume scagliuol'e bambagello:
par a veder un segno maladetto!
Ma rifassi d'un liscio smisurato,
che non è om che la veggia 'n chell'ora,
ch'ella nol faccia di sé 'nnamorato.
E me ha ella così corredato,
che di null'altra cosa metto cura
se non di lei: o ecc'om ben ammendato.

[torna all'indice]

CXIV

I buon parenti, dica chi dir vuole,
a chi ne può aver, sono i fiorini:
quei son fratei carnali e ver cugini,
e padre e madre, figliuoli e figliuole.
Quei son parenti, che nessun sen dole,
bei vestimenti, cavalli e ronzini:
per cui t'inchinan franceschi e latini,
baroni, cavalier, dottor di scuole.
Quei ti fanno star chiaro e pien d'ardire,
e venir fatti tutti i tuoi talenti,
che si pon far nel mondo né seguire.
Però non dica l'uomo: - I' ho parenti -
ché s'e' non ha denari, e' può ben dire:
- Io nacqui come fungo a' tuoni e venti!

[torna all'indice]

CXV

Con gran malinconia sempre istò,
sì ch'io allegrar n´ente possomì;
o lasso! per che ciò m'avvien, non so:
potrestimen'atar, cotal? mi di'!
Deh fallo senza 'ndugio, se puoi mò,
che 'l bisogno mostrar non possotì,
ché mille morti il dì, o vie più, fo;
però di confortarmi piacciatì,
sì ch'io non pera in tale stato qua:
ché uno tu' consiglio i' chero in fé,
ché là 'nd'i' venni, possa reddir là.
Assa' di fare ciò prègone te:
ché 'l pensero sì forte giunto m'ha,
ch'altro non faccio, se non dire: - Omè!

[torna all'indice]

CXVI

L'uom non può sua ventura prolungare
né far più brieve, ch'ordinato sia;
ond'i' mi credo tener questa via,
di lasciar la natura lavorare,
e di guardarmi, se io 'l potrò fare,
che non m'accolga più malinconia:
ch'i' posso dir che per la mia follia,
i' ho perduto assai buon sollazzare.
Anche che troppo tardi me n'avveggio,
non lascerò ch'i' non prenda conforto,
ca far d'un danno due sarebbe peggio.
Ond'i' m'allegro e aspetto buon porto;
ta' cose nascer ciascun giorno veggio,
che 'n dì di vita mia non mi sconforto.

[torna all'indice]

CXVII

Un mercennaio intende a grandeggiare,
e pòggiavi sì smisuratamente,
che sofferire già nol può la gente,
veggendol così forte vaneare.
Deh fatel ritornare a vergheggiare,
come solea fare anticamente,
ché, s'i' non sia del mi' capo dolente,
del su' fatto mi tien un gran cacare!
Or sentenziate s'a torto mi lagno
e se questo non è ben coral puzzo,
ch'i' sofferisco da Lapo di Pagno:
chéd e' vezzeggia e tiensi gentiluzzo;
or ecco febbre da fuggirne al Bagno,
a quel che vi è colà 'n terra d'Abruzzo.

[torna all'indice]

CXVIII

Chi de l'altrui farina fa lasagne,
il su' castel non ha muro né fosso;
di senno, al mio parer, è vie più grosso,
che se comprasse noci per castagne.
E' detti di colui son tele ragne,
ch'offende e dice: - I' non sarò percosso -:
e' non ha denti e roder vuol un osso
e d'alti monti pensa far campagne.
Però di tal pensiere non sia lordo
omo, che del valore ha 'l cuor diserto,
ché mal suo' arrivar volere 'ngordo.
Ma faccia come que' che sta coperto,
fin ch'altri ha rotto e franto suo bigordo:
poi mostri ben ch'e' sia di giostra esperto.

[torna all'indice]

CXIX

Ciò che naturalmente fu creato
in terra o 'n aere o 'n acqua, che l'om vede,
a segnoria de l'uom fu tutto dato
e si conduce e vive a sua mercede.
Ma lo mi' core è sì disnaturato,
che n´ente di ciò sente né crede;
ma di segnor è servo diventato,
e mai non de' cangiar voler né fede.
Ed è sì avvilato e dato a valle,
che, senza far sembianti di dofesa,
si s'ha lasciato prendere a farfalle.
I' l'ho dal cor bensì per grande offesa,
da poi che 'n terr'ha sì date le spalle;
ma seguiroll'in quella via ch'ha presa.

[torna all'indice]

CXX

L'altrier sì mi ferìo una tal ticca,
ch'andar mi fece a madonna di corsa:
andava e ritornava com'un'orsa
che va arrabbiando e 'n luogo non si ficca.
Quando mi vide, credett'esser ricca;
disse: - Non avrestù cavelle in borsa? -
Rispuosi: - No -. Quella mi disse: - Attorsa,
e lèvala pur tosto, o tu t'impicca!-
Mostravas'aspra come cuoio di riccio;
e' le feci una mostra di moneta:
quella mi disse: - Avesti caporiccio? -
Quasi beffava e stava mansueta,
che l'avari' tenuta un fil di liccio;
ma pur ne venni con la borsa queta.

[torna all'indice]

CXXI

I' son venuto di schiatta di struzzo
ne l'oste stando, per la fame grande:
ché d'un corsetto ho fatto mie vivande,
mangiandol tutto a magli'ed a ferruzzo.
E son sì fatto, che non mi vien puzzo,
ma più abboccato, che porco a le ghiande:
s'i' ho mangiat'i panni, il ver si spande,
ch'i' non ho più né mobile né gruzzo.
Ma egli m'è rimasa una gorgiera,
la quale m'ha a dar ber pur una volta:
e manderolla col farsetto a schiera.
La lancia non vi conto, ché m'è tolta;
ma 'l tavolaccio con la cervelliera
mi vanno in gola, e già danno di volta.

[torna all'indice]

CXXII

- Udite udite, dico a voi, signori,
e fate motto, voi che siete amanti:
avreste voi veduto, tra cotanti,
cotal c'ha 'l volto di tre be' colori?
Di ros'e bianch'e vermigli'è di fuori;
or lo mi dite, ch'i' vi son davanti
sed elli inver di me fe' tai sembianti
ched i' potessi aver que' suo' colori.
- Noi non crediam che li potessi avere,
però ched e' non fece ta' sembianti,
che fosse ver' di te umil´ato.
- Sed e' nol fece, i' mi pongo a giacere
e comincio a far ta' sospiri e pianti,
che 'n quattro dì cred'esser sotterrato.

[torna all'indice]

CXXIII

I' so non fermo in su questa oppenione
di non amar, a le sante guagnele,
uomo che sia inver di me crudele,
non abbiendo egli alcuna cagione;
ma questo dico, sanza riprensione,
di non servirti, né sarò fedele,
poi che di dolce mi vòi render fele:
fàilti tu, ma non ne hai ragione.
Da ch'i' conosco la tua sconoscenza
che tu ricredente contra me fai,
vogli'arrestare di te mai servire.
Per la qual cosa i' crederei 'nsanire,
se tu non n'avessi gran penitenza,
con essa avendo grandissimi guai.

[torna all'indice]

CXXIV

Un Corzo di Corzan m'ha sì trafitto
che non mi val cecèrbita pigliare,
né dolci medicine né amare,
né otr´aca che vegna d'Egitto.
E ciò che Gal´en ci lasciò scritto
aggio provato per voler campare:
tutto m'è gocciola d'acqua nel mare,
tanto m'ha 'l su' velen nel mie cor fitto.
Là 'nd'i' son quasi al tutto disperato,
poi ched e' non mi val null'argomento;
a questo porto Amor m'ha arrivato.
Ché son quell'uom, che più vivo sgomento,
che si' nel mondo o che mai fosse nato:
chi me n'ha colpa, di terra sia spento.

[torna all'indice]

CXXV

In tale, che d'amor vi passi 'l core,
abbattervi possiate voi, ser Corso,
e sì vi pregi vie men ch'un vil torso
e come tòsco li siate in amore.
E facciavi mugghiare a tutte l'ore
del giorno, come mugghia bue od orso,
e, come l'ebbro bee a sorsˇ a sorso
il vin, vi facci ber foco e martore.
E se non fosse ch'i' non son lasciato
sì mal direi, e vie più fieramente,
al vostro gaio compagno e avvenente
che di bellezze avanza ogni uom nato;
ma sì mi stringe l'amor infiammato,
che verso lui ho sparto per la mente.

[torna all'indice]

CXXVI

Deh guata, Ciampol, ben questa vecchiuzza
com'ell'è ben diversamente vizza
e quel, che par, quand'un poco si rizza,
e come coralmente viene 'n puzza,
e com'a punto sembra una bertuzza
del viso e de le spalle e di fattezza,
e, quando la miriam, come s'adizza
e travolge e digrigna la boccuzza.
Ché non dovresti sì forte sentire
d'ira, d'angoscia, d'affanno o d'amore,
che non dovessi molto. rallegrarti,
veggendo lei, che fa meravigliarti
sì, che per poco non ti fa perire
gli spiriti amorosi ne lo core.

[torna all'indice]

CXXVII

- Pelle chiabelle di Dio, no ci arvai,
poi che feruto ci hai l'omo di Roma.
- I' son da Lucca. Che di'? che farai?
- Porto cocosse a vender una soma.
- Doi te gaitivo, u' di' che 'nde vai?
- Entro 'gn'Arezzo, a vender queste poma.
- Quest'àscina comprai da' barlettai
entro 'n Pistoia e féi tonder la chioma.
- De' che ti dea 'l malan, fi' de la putta,
ch'a Firenze n'ha' sèrique a danaio,
ed ancor più, e giugnet'u' mellone.
- A le guagnele! carich'è 'l somaio
e porta a Siena a vender cheste frutta,
sì fuoron colte di buona stagione.

[torna all'indice]

CXXVIII

Ogni capretta ritorn'a su' latte;
puot'ell'andare un pezzo ficullando?
Il padre i figli e 'l figlio 'l padre batte,
e 'l frate 'l frate fièr sangue cavando;
nepot'e zio s'aman già come gatte,
marito moglie spesso va cacciando;
e 'ntra consorti ho viste guerre fatte:
e 'n tutte racconciare, 'n poco stando.
Però consiglio che 'ntra sì congiunti
di carn'e sangue null'uom si intrametta
s'egl'i vedesse di coltella punti;
che 'l sangue è una cosa molto stretta:
e poi che d'ira si son sì consunti,
al latte suo ritorna ogni capretta.

[torna all'indice]

CXXIX

Salute manda lo tu' Buon Martini,
Berto Rinier, de la putente Magna.
Sacci ch'i' ho cambiati i grechi fini
a la cervugia, fracida bevagna,
e le gran sale e' nobili giardini
a mosch'e a neve e a loto di montagna;
la buona usanza de li panni lini,
ch'usar solea con voi, è la campagna.
Ben puo' far beffe di mia vita fella,
ché spesse volte sien senza tovaglia:
sette siem che mangiam per iscodella.
E non avem manti' per asciugaglia;
asciughianci al gheron de la gonnella,
quando no' siam ben unti di sevaglia.

[torna all'indice]

 


Indietro

Copertina