LibriLiberi

///LibriLiberi

L’IUC aderisce al progetto LibriLiberi

2013-10-21T19:37:37+00:00 18 ottobre 2013|Categories: LibriLiberi, Podcast web|Tags: , , , , , , |

(voce di SopraPensiero)

LibriLiberi e IUCL’Istituzione Universitaria dei Concerti, http://www.concertiiuc.it/, aderisce al progetto LibriLiberi, il nostro contributo al fenomeno del “bookcrossing”, ovvero l’iniziativa di lasciare i libri che preferiamo – o che detestiamo, che abbiamo doppi o che vogliamo far conoscere – in stazioni dei treni, aeroporti e in altri luoghi pubblici; così che vengano raccolti da altri, che magari vorranno a loro volta “liberare” altri libri.

L’Istituzione Universitaria dei Concerti ha deciso di liberare alcuni volumi in vista dell’imminente nuova stagione concertistica, che verrà inaugurata nei prossimi giorni. Qui in allegato il volantino che accompagnerà i libri.

Nel ringraziare l’IUC per avere aderito a LibriLiberi, vi invitiamo ad assistere ai loro concerti; tra i molti interessanti segnaliamo il concerto del 22 ottobre 2013 con uno dei più grandi violinisti contemporanei, Salvatore Accardo, nelle Quattro Stagioni di Antonio Vivaldi.

Per ulteriori informazioni e biglietti: http://www.concertiiuc.it/

LibriLiberi: il logo vincitore

2016-10-14T03:32:39+00:00 16 settembre 2003|Categories: LibriLiberi|

Carlo Conversano (2003/08/23)

E’ stato finalmente scelto il logo ufficiale del progetto LibriLiberi. Ottimamente realizzato da Carlo Conversano, è composto dalle due “elle” di LibriLiberi; la forma delle due lettere è tale da far pensare sia alle ali di un uccello, sia alle pagine di un libro.

Meritano un sentito ringraziamento anche tutti gli altri volontari di Liber Liber che ci hanno spedito oltre 30 valide proposte. Eccole.

Nasce il progetto “LibriLiberi”

2016-10-14T03:32:42+00:00 3 settembre 2002|Categories: LibriLiberi|

Nasce il progetto “LibriLiberi”, che consiste nella liberazione dei libri: vogliamo farli evadere dalle librerie, dai magazzini delle case editrici, dalle biblioteche abbandonate, e farli circolare in stazioni dei treni, aereoporti, aree di servizio, insomma in tutti i luoghi pubblici, nella speranza che si imbattano in un lettore che li adotti e poi, dopo averli letti, li faccia di nuovo circolare, o anche li tenga per sé ma sostituendoli con altri libri. Nato sulla scia di simili iniziative nel mondo, Liber Liber si augura che “LibriLiberi” contribuisca ad avvicinare sempre più persone al mondo del libro.