Giovanni Pascoli

///Giovanni Pascoli
Giovanni Pascoli 2016-10-14T03:23:35+00:00

Giovanni PascoliGiovanni Pascoli nacque a San Mauro di Romagna nel 1855.

Il padre gli morì assassinato quando egli aveva solo 12 anni; a questo lutto si sommarono altre tragedie familiari (tra cui la morte della madre) che influenzarono profondamente la sua vita, la sua visione del mondo e la sua poetica.

A Bologna, dopo la laurea, si avvicinò a gruppi anarchici e socialisti ma, in seguito ad una esperienza di carcere che lo segnò in maniera pesante, abbandonò la politica attiva. Decise di dedicarsi all’insegnamento universitario non tralasciando mai, però, la sua unica passione: la poesia.

La sua produzione poetica, vasta ed eclettica, consistette in un incessante sforzo di ricerca metrica e formale imperniata su temi vari, quali: il gusto per le piccole cose, viste con gli occhi di un bambino; il torbido, il nascosto; l’ansioso bisogno di quiete, di un “nido” sereno di affetti; il simbolismo; la celebrazione, propria delle sue ultime opere.

Straordinario erudito, capace, nella sua costante opera di rinnovamento, di frantumare il discorso letterario in fugaci impressioni, affascinato dai temi della classicità nei suoi momenti di decadenza (tanto da comporre i “Carmina” in lingua latina), Giovanni Pascoli si spense nel 1912.

Note biografiche a cura di Maria Agostinelli.

Elenco opere (click sul titolo per il download gratuito)

 
Autore:
Giovanni Pascoli
Ordinamento:
Pascoli, Giovanni
Elenco:
P