“Al di sotto della mischia” di Charles Albert

Home/Manuzio, Podcast web/“Al di sotto della mischia” di Charles Albert

“Al di sotto della mischia” di Charles Albert

(voce di SopraPensiero)

Pubblicato Al di sotto della mischia di Charles Albert.

Si tratta di un opuscolo del 1916 ed è una dura presa di posizione dell’autore, interventista, nei confronti del noto pacifista Romain Rolland, premio Nobel per la letteratura nel 1915, e attivissimo nell’ambito di soluzioni pacifiche e per la diffusione di un credo tolstojano di pace e fraternità. L’opuscolo contiene anche una lettera a Rolland di H.G. Wells, il noto scrittore britannico, che esprime la sua idea di sforzo bellico antitedesco in modo molto più pacato. La traduzione è di Giacomo di Belsito (1885-1939) pseudonimo di Giacomo Caccavale, giornalista legato al fascismo e partecipante alla “marcia su Roma”.

Sinossi a cura di Paolo Alberti

Dall’incipit del libro:

Per aver osato – oh, con molti riguardi; troppi, forse! – levare una mano sacrilega su l’idolo dei pacifisti, fui, da alcuni di essi, largamente coperto d’ingiurie.
La migliore risposta – e la più degna – sarà quella di metter sotto gli occhi del pubblico i tre articoli nei quali ho commesso questo delitto.
I seguaci di Romain Rolland si sono scandalizzati del fatto che un furioso attacco reazionario, subito dallo scrittore, non sia bastato a renderlo sacro per noi. Se si dovesse adottare questa regola, si diventerebbe sacri a buon mercato. Ma la verità non ci guadagnerebbe.
L’aver dovuto respingere i rimproveri ingiusti e le insinuazioni perfide della destra significa, forse, che Rolland non abbia meritato un’altra serie di rimostranze che gli furono rivolte – e in piena buona fede, quelle! – da uomini della sinistra?
Appunto perchè gli venivano dalla sinistra, anzi dall’estrema sinistra, le critiche d’un Séailles, d’un Aulard, d’un P. H. Loyson, d’un Ruyssen, quelle di Chr. Cornélissen e le mie, dovettero riuscirgli, io penso, più imbarazzanti. Come accusare di furore nazionalista, di odioso partito preso o di passione reazionaria uomini che, per tutta la loro vita, furono i fedeli servitori d’un ideale di giustizia, di fraternità, di progresso?

2017-02-08T18:35:54+00:00 7 febbraio 2017|Categories: Manuzio, Podcast web|Tags: , |