Salta al contenuto, salta al menu
Home page
Pagina Tre, la rivista di Liber Liber
 
Aiuta Liber Liber
(anche con una piccola cifra)
aiuta Liber Liber
tramite PayPal

ti trovi in:

Copertina > Home > Audiolibri > Autori S >

Swift, Jonathan

Richiedi i gadget di Liber LiberRichiedi i gadget di Liber Liber!

CD, DVD, chiavette USB, lettori MP3... Ogni gadget che richiederai ci aiuterà ad aumentare il numero di libri, brani musicali, ecc. distribuiti gratuitamente tramite questo sito Internet.

Jonathan SwiftPer le note biografiche, vedi:

Progetto Manuzio > Biblioteca > Swift, Jonathan.


Se noti errori di qualsiasi tipo, per favore segnalaceli tramite la pagina "segnalazione degli errori".

I file audio (istruzioni e licenze)

titolo: Viaggi di Gulliver (I)
anno: 2009
tipo registrazione: In studio, digitale
etichetta: Liber Liber
genere: Libro parlato
artisti:
  • Serafino Balduzzi (ruolo: Voce)
  • Bach, Johann Sebastian (ruolo: musicista)
  • Händel, Georg Friedrich (ruolo: musicista)
  • Scarlatti, Domenico (ruolo: musicista)
  • Swift, Jonathan (ruolo: Autore del testo)
brani:
  • [non disponibile] (formato OGG)
Edizione Libro parlato:
data:   21 gennaio 2008
a cura di:

Marco Calvo, http://www.marcocalvo.it/link esterno
Serafino Balduzzi, serafino.balduzzi@fastwebnet.it

Revisione
Silvia Cecchini, silviacecchini@yahoo.it

licenza: Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 2.5link esterno
note:

Tratto da "I viaggi di Gulliver / Gionata Swift ; prima versione integrale italiana a cura di Aldo Valori ; con ornamenti di Enrico Sacchetti" - Roma : A. F. Formiggini, Classici del Ridere, 2a edizione 1921

Traduzione di Aldo Valori. Si ringraziano gli eredi di Aldo Valori che hanno concesso il permesso di pubblicazione del testo elettronico.

Jonathan Swift
Jonathan Swift
Un click
sull'immagine per
un ingrandimento

«Soltanto Voltaire (e soltanto nel Candide) e Diderot (e soltanto nel Neveu de Rameau) sono giunti attraverso un fatto particolare a una così comprensiva denunzia universale, e in essi manca ancora quello sfondo di nube temporalesca che incornicia tutta l'opera di Swift» (Tomasi di Lampedusa, Letteratura inglese).

A nessuno dev'essere mai venuto in mente di proporre Candido o Il nipote di Rameau come libri per fanciulli. Invece questo è accaduto proprio al feroce Gulliver- almeno alle prime due delle sue quattro parti, i viaggi nei paesi dei lillipuziani e dei giganti. È buffo vedere come l'orco Swift, che proponeva di cucinare i bambini, subisse la pena del contrappasso, quando l'editoria infantile cucinò lui ad uso di merendina.

All'atto della pubblicazione, il libro si presentò come una satira pseudonima del mondo politico, della corte, della Royal Society, degl'inglesi - e infine dell'umanità intera. I suoi lettori originari (che immediatamente ne fecero esaurire quattro tirature fra il novembre 1726 e il gennaio 1727) davano riscontri d'attualità a episodi, e nomi veri a personaggi; del resto scoprirono ad apertura di pagina chi si nascondesse dietro lo pseudonimo. L'editore aveva fatto vari tagli per evitare troppi guai, tanto che in seguito divenne problematico ricostruire il testo; quando Swift stesso se ne occupò, non disponeva più del manoscritto originario e riscrisse qua e là, nuocendo all'immediatezza.

Ciò che è giunto a noi è sempre satira, ma non più un libello, bensì il gran monumento della misantropia.

«La "commedia umana" di Swift procede in senso inverso alla Divina Commedia. Il capolavoro dantesco s'inizia col tetro abisso dell'Inferno e progressivamente se ne allontana pei gradi del Purgatorio, fino alla radiosa serenità del Paradiso […] Il capolavoro di Swift s'inizia con l'allegretto dei lillipuziani, e via via si fa più fosco attraverso le esperienze grottesche e nauseabonde di Gulliver nel paese dei giganti, attraverso quella rassegna dell'umana stoltezza e vanità che è il viaggio a Laputa e a Lagado, specie di "elogio della follia", fino alla disperazione delle ultime parti, la visita agli immortali e la scoperta dell'uomo primitivo ed elementare nella razza degli ya­hoos» (Mario Praz, Letteratura inglese).

Ci si è scervellati sui suoi houyhnhnms, cavalli saggi (contrapposti agli yahoos), che sono certo le bestie che agli uomini piacerebbe di essere, ma non saranno mai; però, ad un tempo, si sospetta che rechino in sé i germi dell'incipente "fardello dell'uomo bianco", e addirittura delle successive civiltà dei campi di sterminio.

Il protagonista - oltre ad essere addetto a stilare resoconti meticolosi di folli fanfaluche, e satireggiare le narrazioni dei viaggi di scoperta - per conto suo satireggia l'inglese medio: bravo, volenteroso e un po' minchione. Il nome Gulliver ricorda gullible, sempliciotto, credulone: "in italiano, traduciamolo Grulliver", si è proposto. Peraltro qua e là egli presenta tratti di portavoce dell'autore, o di tramite del suo sarcasmo, e alla fine si trasforma in uno spaventoso maniaco a immagine di Swift: il gran misantropo estende il dileggio alla propria misantropia.

Il testo che utilizziamo è tratto dalla collana Classici del ridere dell'editore modenese Formìggini. Essa comprende varie accurate "prime traduzioni integrali italiane", alcune delle quali restano memorabili, perché colmarono incredibili lacune secolari della nostra editoria: come questo Gulliver, appunto, pubblicato la prima volta nel 1913, Gargantua e Pantagruel (già riportato nella biblioteca di Liber Liber) e Tristram Shandy. Ovviamente sono traduzioni datate, come lo è ogni cosa e persona; ma sono tanto fresche e appassionate, da competere vantaggiosamente ancor oggi con altre traduzioni più recenti.

Il traduttore Aldo Valori (giornalista e storico), primo a disincagliare Gulliver dalle secche dell'editoria infantile, vi aveva peraltro trascorso una sua stagione. Per esempio aveva fondato con Luigi Bertelli (Vamba) il Giornalino della Domenica e - secondo una tradizione di famiglia - era stato lui a descrivere il matrimonio clandestino in una chiesa di campagna del socialista avvocato Maralli, nel Giornalino di Gian Burrasca. La medesima fonte afferma che la traduzione nacque in collaborazione con il fratello Francesco, che conosceva l'inglese, mentre Aldo era giunto a Swift attraverso la traduzione francese.

Scheda a cura di Serafino Balduzzi.

Musiche:

PARTE PRIMA - UN VIAGGIO A LILLIPUT
PARTE SECONDA - UN VIAGGIO A BROBDINGNAG

PARTE TERZA - UN VIAGGIO A LAPUTA, BALNIBARBI, LUGGNAGG, GLUBBDUBDRIB E NEL GIAPPONE

PARTE QUARTA - UN VIAGGIO NEL PAESE DEGLI HOUYHNHNMS

Progetto Manuzio:

In biblioteca è disponibile il testo. Vedere: Biblioteca > Swift, Jonathan.


Richiedi i gadget di Liber LiberRichiedi i gadget di Liber Liber (lettori e-book, DVD...). Contengono tutti i capolavori che vedi in questa pagina e centinaia di altri!

Tu potrai usufruirne più comodamente, e i progetti di Liber Liber avranno più risorse per continuare a crescere.

Internet BookShopCerca su IBS

Aiuta Liber Liber con un acquisto su Internet BookShop!

Nota: i dettagli della partnership di Liber Liber con IBS.

Torna al contenuto, torna al menu
Parla di Liber Liber ai tuoi amici; il sapere condiviso è una utopia possibile